Milano Music Week
Shape your future.
16–22 novembre 2020

Warm Up

Linecheck Online Warm Up #2

Linecheck – Music Meeting and Festival presenta :

Linecheck Online Warm Up: una serie di appuntamenti in streaming per approfondire e raccontare le dinamiche dello scenario attuale dell’industria musicale.

16:00 – 16:40
INDUSTRIA MUSICALE: CHI LA RAPPRESENTA?

16:45 – 18:00
L’ESTATE DAL VIVO

EVENTO GRATUITO SU REGISTRAZIONE
→ → GUARDA LA DIRETTA


16:00 – 16:40
INDUSTRIA MUSICALE: CHI LA RAPPRESENTA?

Movimenti di solidarietà professionale, organizzazione di interessi comuni e associazionismo in tempi di crisi acquistano ancora più valore, e possono contribuire ad aprire la via a un potenziale dialogo politico e tra i player del settore. Allo stesso tempo una crisi di questa misura mette in luce anche chiari problemi di rappresentatività: differenze in termini di esigenze di business, ideologie e necessità mettono in evidenza come la rete associativa sia ancora frammentata.Proviamo allora a fare un po’ di ordine. Oltre alle associazioni di categoria, ci sono nuovi movimenti e coordinamenti, di cui alcuni costruiti dal basso. Chi rappresentano e cosa propongono?
A seguire (su invito): una tavola rotonda a porte chiuse metterà a confronto i movimenti presentati nel corso del panel con le principali associazioni di categoria per discutere la possibilità di un’eventuale intesa che possa rendere più unita l’industria musicale e culturale italiana.

→ → GUARDA LA DIRETTA


16:45 – 18:00
L’ESTATE DAL VIVO

Un’estate italiana senza concerti? Rassegne, festival, concerti nelle piazze, nei cortili, negli anfiteatri e nei lidi: che fine faranno? Alla luce delle direttive attuali, il settore della musica dal vivo sta vivendo un momento di grande confusione e si pone alcune domande fondamentali: fare o non fare i concerti? E se sì come, e soprattutto, come finanziarli? È possibile per i promoter accettare di affrontare rischi ancora maggiori, e accontentarsi di margini ancora più ridotti? Può essere il momento giusto per ridimensionare i cachet degli artisti e rivedere costi di produzione e di gestione? Quali strumenti dovrebbe mettere a punto lo stato, tra fondi e interventi legislativi, per garantire la continuità dell’offerta musicale e culturale?Intanto una serie di promoter per lo più legati ad aziende multinazionali ha risposto rinviando i grandi eventi al 2021. Quindi, un grande fast-forward per tutti? In tutto ciò, la stagione al chiuso adesso sembra ancora un miraggio lontano, con dubbi ancora più grandi.